La leggenda della donna capra

“Si sedettero tutti al tavolo basso di legno, la vecchia Shou cantò qualcosa in una lingua sconosciuta: la sua voce a volte era così fievole che pareva si stesse addormentando ma poi d’improvviso riprendeva tono e s’innalzava verso il cielo con picchi di la e di do alto, come solo da una donnina così gracile ti potevi aspettare.
Poi semplicemente si alzò e disse:
«Quando un uovo ti si rompe fra le mani, qualcuno è in arrivo. Se la gallina piange, quel qualcuno sta portando con sé delle disgrazie». E tutti, attoniti, si voltarono verso la giovane ragazza di città, lei che se n’era andata da quel posto in cerca di fortuna e se ne tornava ora con la coda tra le gambe, a cercare conforto e aiuto nei venti di montagna.
Tutti effettivamente la notte prima erano stati svegliati da un rumore insolito proveniente dal cortile e quando il piccolo Shan Shan, il vicino di sei anni dei Mo, si era alzato a piedi nudi per andare a fare la pipì nei campi, aveva intravisto alla luce della luna una vecchia gallina ricurva su se stessa: dai suoi occhi scendevano grossi lacrimoni argentati.”

Acquistabile su Amazon 

Lascia un commento